commendare

See: recommend
Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
30) Qui, oborta egritudine, ad extrema perductus, beato Leandro, quem prius uehementer afflixerat, Recaredum regem filium, quem in sua heresi relinquebat, commendare curauit ut in ipso talia faceret qualia in fratre illius suis exortationibus fecisset.
Sono molti che per ritrarre cose poste in altrui lingua e commendare quella, credono piu essere ammirati che ritraendo quelle de la sua.
Quinimo ipsum potius commendare videtur ad Hebraeos ita dicens: 'Itaque relinquitur sabbatismus populo Dei.
Respondi, depositi actionem locum habere; quid est enim aliud commendare, quam deponere?
52) Con respecto a la practica de la commendatio, Elizabeth Deniaux afirma que <<la etimologia de la palabra commendare, 'poner en la mano (manus)', o se commendare, 'confiarse uno mismo en la mano', de hecho se refiere al gesto (estrechar las manos derechas, data dextera), por la cual se simbolizaba una solicitud de asistencia y proteccion>>.
Porque el vocablo commendare no puede interpretarse en sentido estricto como sinonimo de donare o concedere; commendare parece senalar que el gobierno del realengo tal como se entrega a Fromarico debera realizarse siguiendo en todo momento las pautas marcadas por el rey, que sigue manteniendo el control superior sobre el territorio.
In qua re fit, ut involuta doctorum dicta revolvere etsi libet non liceat nec latentes veritates de oscuro doctorali stylo in lucem producere nec eas dearticulando comprehendere et ordinate memorie commendare.
Si non probabile, cur duties or with the affairs of his vos illud in primis commendare friends, he might now set about soletis?
e ancora vizio di scostumata persona, ed e cosa spiacevole ad udire" (XI); cosi, commentando la quarta novella della sesta giornata del Decameron, il narratore nota che "se Currado avesse fatto ancora meno sehiamazzo che non fece, piu sarebbe stato da commendare, che gia non conveniva chiamar messer Domenedio che entrasse per lui mallevadore delle sue minaccie, si come egli fece" (VIII); Dioneo e Filostrato sono biasimati rispettivamente per l'intemperanza espressiva (Dioneo ha "li modi e plebei," "volgari," XX) e per la scelta di una materia inopportunamente tragica ("in niuna maniera si puo scusare il nostro Filostrato della proposta che egli fece piena di doglia e di morte a compagnia di nessuna altra cosa vaga che di letizia," XI).
17) "'Perche, conchiudendo, cio che una donna fa ad un marito geloso a torto, per certo non condennare ma commendare si dovrebbe'" (Dec.