dirigere


Also found in: Dictionary.
Related to dirigere: perdere, succedere
Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
In seguito, Crialese lavora ancora negli Stati Uniti, ma in ambito teatrale, per poi decidere di collaborare con il produttore Bob Chartoff alla stesura di un soggetto su Ellis Island, che pero viene temporaneamente abbandonato (si trattera di Nuovomondo) dinanzi all'opportunita di tornare in Italia per dirigere la sua seconda pellicola.
Sed quia ante peccatum nil fuisset quod homini nocere posses, nec etiam voluntas alicujus bono contradiceret; ideo quantum ad duos ultimos usus praelatio in statu innocentiae non fuisset; sed quantum ad primum usum solum, qui scilicet est dirigere in agendis vel in sciendis, secundum quod unus alio majore munere sapientiae et major) lumine intellectus praeditus fuisset.
Under Arturo's Star e un volume destinato a dirigere gli studi morantiani verso le variegate suggestioni teoriche esercitate dal testo letterario; attesta a una magistrale impresa editoriale, una che evita l'ibridismo tematico-formale che spesso differenzia questo tipo di lavoro da quelli redatti da mano unica.
Nena rompe questa logica ferrea e problematizza l'affermazione di Alonge, perche il repentino gesto di dirigere le azioni di Bernardo con un bene materiale di sua proprieta la fa apparire per un istante nel ruolo di padrona, di chi guida l'azione altrui ricorrendo alla propria ricchezza.
Nel 1979 ha iniziato a dirigere alcuni documentari e ha collaborato alla RAI, della propria provincia, con programmi come: Diario di Guttuso, Ritratto di un rapinatore, Incontro con Francesco Rosi, Scrittori siciliani e cinema: Verga, Pirandello, Brancati e Sciascia.
Roberto Meddi, un operatore con un background atipico, ha avuto la possibilita di dirigere la fotografia di molti film come Stesso sangue (1988), Antelope Cobbler (1991), Nessuno (1992), gli episodi Aurora e Carmela di Libera (1993).
Dopo l'insuccesso di critica e, in parte, anche di pubblico, del film di Luna, partecipa all'ennesimo fallimento produttivo dell'ultimo Alberto Sordi, da cui si fa dirigere in Incontri proibiti (1998).
1994) di Enzo Monteleone e Il caricatore (1997), in cui Eugenio Cappuccio, Massimo Gaudioso e Fabio Nunziata, oltre a dirigere il film, interpretano se stessi, cosi come chiunque altro appaia davanti alla macchina da presa.
D'Andrea nell'immediato dopoguerra sara chiamato da Emilio Lussu, ministro dell'Assistenza post-bellica, a dirigere l'ufficio Statistica e Stampa a Roma.