discernere


Also found in: Dictionary, Thesaurus, Medical, Encyclopedia.
Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
E' appunto la nostra storia che ci dona capacita di discernere e disponibilita all'incontro.
La palabra "critica" < critica, -orum, "critica, filologia", tiene relacion con el verbo griego krinein, en latin, iudicare, discernere, juzgar, discernir.
Se e vero che l'Occidente e nato sul concetto di [TEXTO IRREPRODUCIBLE EN ASCII], che in greco significa sia "principio" che "dominio", non si tralasci il fatto che si tratta di sinonimi, cioe e impossibile discernere il loro duplice e ambiguo significato.
En esa misma obra, distingue, siguiendo a San Agustin, el sentido de tres verbos que se usan para designar el conocimiento intelectual: cogitare, discernere e intelligere.
Praeterea juvatipsa oratione series temporum uicissitudinesque discernere, quae Homerici more Aristarchi quaedam pro aetatibus hominum et felicitate tempestatum videatur dare tempori atque approbare quaedam respuere.
tutta la difficulta de l'arte, in saper discernere in ciascuna facenda, qual sia esso debitore, e creditore.
Unde satis evidenter per necessitatem infertur, universitatem civium aut ipsius valenciorem multitudinem, que pro eodem accipienda sunt, magis posse quid eligendum et quid spernendum discernere, quacumque sui parte seorsum" (MARSILIUS VON PADUA, Defensor Pacis, I, 13, 2).
lt;<Inter essentialem structuram et definitam Ecclesiae formam (vel organizationem) discernere non est disiungere.
Se cosi fosse perche questa sfera e soggetta al dubbio e alla necessita di discernere e di precisare i significanti che la popolano?
72) Lombardelli, 5: "Onde l'opposito [I]dee concludersi: perche lo Studio frena le passioni; abbassa l'orgoglio; ammollisce la fierezza; addolcisce i costumi; insegna la modestia; tempera la furia; modera i pensieri; esorta a viver contento del poco; nobilita la rozezza; placa gli sdegni; rende l'Huomo affabile; palesca, e difende la verita; compone le mentis; fa discernere i veri beni dagli apparrenti; in somma riduce la parte bestiale dell'Huomo ad un viver non pure humano ma quasi angelico.