velare

(redirected from velate)
Also found in: Dictionary, Medical.
Related to velate: velum
Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
Integrated services of management of property and public land with relative plant supplied by the municipality of Usmate Velate (MB) .
Le spettatrici, tutte velate, cinguettavano, ridevano sommessamente, facevano capolino e si ritiravano con una rapidita che pareva che scattassero; ad ogni nostro movimento corrispondeva un leggero mormorio; ogni volta che alzavamo la testa, seguiva un gran tumulto nei parchi di prim'ordine; si capiva che si divertivano, che raccoglievano materia per un mese di conversazione, che non stavano in se dal piacere di trovarsi, cosi inaspettatamente, dinanzi a uno spettacolo tanto bizzarro e tanto raro
Oltre a questo uso velato di considerazioni metalinguistiche, nei romanzi di Camilleri sono frequenti altri due tipi, evidentissimi, di riflessioni metalinguistiche ovvie, non velate, non nascoste.
Tali saggi portano alla luce numerose articolazioni del modernismo entro diversi settori della cultura italiana, e ne esplicitano pure alcune che si generano da chiari scambi e velate contaminazioni fra essa e altre culture primo-novecentesche.
Si veda ad esempio una miniatura dell'850 circa, che illustra l'Aritmetica di Boezio, in cui quattro donne velate e assai simili tra loro--solo lo strumento tenuto in mano le identifica--incarnano le Musica, l'Aritmetica, la Geometria e Astrologia" (Frugoni 437).
secentesco, quel reiterare illazioni piu o meno velate ha funzionato da
Al di la di altre reminiscenze non solo evidenti ma certamente molto rilevanti per l'esegesi dell'opera campaniana (facciamo riferimento a Nietzsche o Whitman, per esempio), e al di la dell'esistenza indubbia di una koine simbolista-decadentista dove coincidono tutti questi autori e nella quale si diffonde uno stesso immaginario poetico (e artistico, in linee generali), vanno messe in rilievo le allusioni esplicite o velate, le citazioni a memoria, i cenni di vario tipo agli autori francesi che emergono nell'insieme dell'opera del marradese.