evadere


Also found in: Dictionary, Thesaurus, Encyclopedia.
See: escape
Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
Percio lei manifestava sofferenza di tali condotte i cui effetti risultavano anche dai forti sbalzi di umore che aveva anche nei miei confronti>> (4/124), in lucem ponit signa deordinationis personalitatis mulieris explicando <<Laetitia all'epoca, come accennato precedentemente, aveva un carattere ballerino con i suoi sbalzi umorali>> (5/124), dein asserit <<lei aveva difficolta a relazionarsi con il proprio ambiente familiare al punto che appena dodicenne scappo di casa e vedevo che anche con me manifestava intenzioni di evadere dal proprio ambiente familiare nel quale si sentiva soffocare e che capiva che le andava stretto>> (5/125).
135, certo incapax ita evadere videatur ut ipsius regiminis continuado in damnum Praelaturae practice converteretur, tunc Vicarius auxiliaris eligi a Congressu potest in quem omnia Praelati iura et officia, excepto tamen titulo, transferantur; electus confirmationem electionis a Sancta Sede per se vel per alium petere debet>> (Statuta, n.
Avventurandosi fra i "gironi" (211) di quest'isola, lo scrittore si trova di fronte a una "ressa dantesca" di "anime umane" (209) "terribilmente infelici" (211), che "accorrono, sciamano" (210) intorno a lui per evadere dal "devastante ozio" che li "tortura" e "li fa ammattire;" e prova un senso di "raccapriccio" nell'osservare uno di loro che "pare gia pazzo davvero; con gli occhi schizzati di sangue, con le parole che gli si rompono" (212).
Da un lato il Kalevala--l'epopea del popolo finlandese--dall'altro il koskenkorva (8) ; da un lato la mitologia, dall'altro lo stordimento dell'alcol e delle droghe per evadere dalla realta spietata della guerra.
Rocco, dopo la partenza del compagno di stanza, non resiste alla quotidianita in seminario, si sente assediato da una folla, desideroso di evadere in solitudine:
Entro il contesto storico in cui opera la giovane generazione di narratori sono individuabili almeno due filoni che consentono una distinzione abbastanza coerente: il primo e quello che investe la forma dell'espressione e tenta di evadere il neosperimentalismo avanguardista; il secondo appartiene al piano tematico ed aspira a superare lo schematismo realistico.
La follia diviene piuttosto il viatico per evadere dallo squallore di una quotidianita misera e sottrarsi al giogo di norme sociali inconsistenti e opprimenti (Fuga, Carriola, Cosi e se vi pare, Enrico IV).