succedere

Mentioned in ?
References in periodicals archive ?
Vedrete che vuole succedere! Non vedo l'ora, mi dovete credere!
Cio significa che qualcosa di storico e dovuto succedere perche si sia prodotta la possibilita stessa di questa divergenza e, di conseguenza, la possibilita stessa di deliberazione morale.
In un paese come questo, possono succedere cose interessanti che l'ormai smemorato Occidente non verra mai a sapere.
(55) VIRGILIO, Georgicas III, 464-469: Quam procul aut molli succedere saepius umbrae/ uideris aut summas carpentem ignauius herbas/ extremamque sequi aut medio procumbere campo/ pascentem et serae solam decedere nocti,/ continuo culpam ferro compesce, priusquam/ dira per incautum serpant contagia uolgus.
He was also in the cast of the highly rated Italian TV shows like Don Matteo 2, I Cervelloni, Permesso di Soggione, La Salute a Tavola, Le Frontierre Dello Soirito, A Sua Immagine, Ciak Si Canta, E Arrivata La Felicita, Tutto Puo Succedere, Il Mio Vicino Di Casa, Non Dirlo Al Mio Copo, Non E Stato Mio Figlio and Il Bello Delle Donne.
L'unica differenza tra l'animale e il bimbo e il fatto che quest'ultimo capisca cosa sta per succedere (non a caso si tappa le orecchie con le dita).
Cosa puo succedere quando i piccoli dei hanno grandi sogni", in Futuribili, no.
Pues bien, partiamos inicialmente del par suceso (esp.)/ sucesso (port.), palabras que comparten un mismo etimo, el sustantivo latino successus, derivado del verbo succedere, cuyo significado era 'aproximacion, llegada', si bien se apunta, aun en epoca latina, un sentido proximo a 'favorable'.
(23.) "Alio [...] modo dicitur aliquid esse de iure naturae quia fundamentum habet in conditione naturali, licet non simpliciter praecipiatur iure naturali, ut filium succedere ah intestato.
Se vi e venuto a noia il discorrere le cose, per vedere molte volte succedere e casi fuora de' discorsi et concetti che si fanno, havete ragione, perche il simile e intervenuto a me.
his quidam signis atque haec exempla secuti esse apibus partem diuinae mentis et haustus aetherios dixere; deum namque ire per omnis terrasque tractusque maris caelumque profundum; hinc pecudes, armenta, uiros, genus omne ferarum, quemque sibi tenuis nascentem arcessere uitas: scilicet huc reddi deinde ac resoluta referri omnia, nec morti esse locum, sed uiua uolare sideris in numerum atque alto succedere caelo.