violare


Also found in: Dictionary, Thesaurus, Medical, Encyclopedia.
References in periodicals archive ?
43), cioe, per usare le parole di Jeanmaire "adolescents nubiles et non encore inities a la vie sexuelle" (26) e, poiche, come rileva Ierano, "essere eitheos significa essere hagnos", "violare (o tentare di violare) un eitheos significa ...
10-11) Subito dopo lo storico torinese ricorda il debito erasmiano di quell'intento bruniano, rammentando che "si tratta in sostanza dell'antico motivo erasmiano della purificazione del culto, che al giovane Bruno come al maturo Campanella parve potesse operare ancora fruttuosamente dall'interno del pensiero cattolico, senza violare alcuno dei confini della sostanziale ortodossia; aspirazione che aveva altre radici remote nel profetismo del millennio e che trovava d'altronde, anche piu tardi e fra i riformati--si pensi al Grozio--echi sinceri in un desiderio di palingenesi del genere umano e di ritorno all'universale concordia al di la delle barriere politiche e dei rancori di setta." (Ibi, pag.
Como es conocido, "il nucleo problematico dell'azione ispirata alla Ragion di Stato, cioe la liceita di violare le regole correnti del diritto e della religione in funzione dell'interesse, fu discusso subito dopo la pubblicazione del Principe (1532) ed ebbe Machiavelli come sfondo" (45).
This analysis can be developed by noting that the term "violence" has its roots in the Latin violare, which means to violate.
Unwilling, however, to see Vergil as blindly enslaved to Homer, they have offered another explanation: violare here is tied to the violentia of her lover Turnus.
Ho ritenuto di utilizzare una domanda quale titolo del presente contributo--Cosa cercano i giuristi nella letteratura ?--consapevole di violare in questo modo ben due prassi abbastanza consolidate fra i saggisti.
The setting is represented as a world apart, a space where something of a mythical past still lingers on: the lagoon's muddy bottom allows the narrator to see "il mistero velato e apparentemente immobile della profondita, dei sassi e delle conchiglie sul fondo, cosi strani e lontani quando la mano si tuffa anche solo per pochi centimetri per violare il loro incanto--la malia delle citta sommerse come Vineta o Atlantide, il cui bagliore brilla anche in un po' di fanghiglia subacquea" (59).